I miei libri.

Sono sempre stata una ragazza romantica.
Una di quella che trova rifugio nei romanzi d’amore, che si immedesima nelle protagoniste e finisce col provare le loro stesse emozioni.

Così, si può dire che sono stata innamorata di innumerevoli ragazzi.
I protagonisti dei miei libri: eroi spavaldi e affascinanti.
Con loro esploravo luoghi meravigliosi e fantascici, approdavo in posti lontanissimi, solcando gli oceani più vasti .
E più leggevo, più sentivo il bisogno di avere altri libri, di conoscere altre storie. La mia sete di lettura vinceva su tutto, persino sul sonno, la notte.

Molti dei miei pomeriggi da adolescente li trascorrevo completamente immersa nei romanzi: stesa sul letto a pancia in giù, ciondolavo con i piedi all’aria non curante del trascorrere del tempo o di chi mi stesse intorno.
Per un occhio inesperto la mia esistenza poteva apparire misera o quantomeno non così emozionante.
Per qualcuno che non riuscisse a vedere oltre il normale, il quotidiano o non avesse il coraggio di abbandonarsi all’immaginazione e partire per nuove esperienze.

Non ho nemmeno mai concepito la lettura come strumento per evadere dal mondo.
Non era una fuga, era un ampliamento della realtà.
Come un mondo che scoresse parallelamente al nostro, i due universi non si toccavano, ma mi era concesso di interagire con entrambi.

Qualche anno fa lessi “lezioni americane” di Italo Calvino, e tra i vari commenti e descrizioni delle tecniche e opere più famose della letteratura, rimasi catturata da una riflessione dell autore su un passo della divina commedia.
Si soffermó su una frase che Dante scrisse nel XVII canto del Purgatorio: “poi piovve dentro l’alta fantasia”.
Calvino riprese questo preciso verso commentando: “La fantasia è un posto dove ci piove dentro”.

Ora, a distanza di tempo, mi ritorna in mente questa piccola parte del libro.
E mi rendo conto di non essere mai stata completamente in torto su ciò che rappresentasse per me la lettura: se addirittura dei miseri eventi atmosferici possono intaccare la fantasia, vuol dire che quest ultima, alla fine, non è poi così distante dalla nostra realtà.
Quindi, non vedo perché non possa definirsi tale o essere ritenuto meno valido tutto l’affetto che ogni volta provavo per i protagonisti dei miei libri, a differenza di quel falso amore che ostentano sotto i nostri occhi molte delle persone che conosciamo.
O perché i paesaggi che così meticolosamente dipingevo nella mia mente, possano essere meno reali di ciò che ci circonda.

Ecco perché concepisco il mio rapporto con la lettura come un dare e ricevere.
Dono il mio tempo per riceverne dell’ altro, a dismisura.
Tempo per rilassarmi, per viaggiare, per riflettere, per essere.

Annunci

6 thoughts on “I miei libri.

  1. condivido 🙂 e non stai male quando un libro finisce? Uno di quelli che ti aveva trasportata in un altro mondo? Ok tu hai detto che è una realtà ampliata e parallela, per me invece è più una fuga….quando arrivo a metà libro rallento, leggo una o due pagine al giorno per non finirlo mai…poi subentra la nostalgia, come una perdita…poi cerco notizie sull’autore e trovo tutto quello che ha scritto, anche carta da crackers.. 😉 ah! che vita dura 😉

    Liked by 1 persona

    1. Si purtroppo quando finisco un libro mi sento come se avessi perso un amico, e ti capisco, quando inizio a vedere che mancano pochi capitoli alla fine sono tentata dal rallentare per poter “prolungare” in qualche modo la storia, ma allo stesso tempo la mia curiosità cresce a dismisura e non riesco a fermarmi ahah 🙂

      Liked by 1 persona

      1. idem 😉 (p.s. questo we ho finito in 2 gg l’ultimo di una saga che pare scritta da un bambino delle elementari, non posso credere di amarla cosi ma….550 pagine in 2 gg e lacrime come se non ci fosse un domani…oggi mi mancavano tantissimo)

        Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...